Digital Monitor permette di:

  • Controllare una pluralità di fonti online (che “manualmente” sarebbe troppo lungo ed oneroso controllare)
  • Visualizzare in tempo reale i risultati (da qualsiasi pc o device connesso ad internet)
  • Archiviare uno storico dei risultati
  • Inserire giudizi, ranking, sentiment
  • Catalogare i risultati (tag personalizzati)
  • Generare report ad hoc
  • Scatenare workflow interni (ad esempio si possono organizzare segnalazioni in automatico a colleghi responsabili di determinati settori aziendali)

L’utilizzo che se ne può fare è molteplice ed è il più prezioso strumento oggi a disposizione di marketing manager ed uffici stampa: scoprire, catturare, classificare gli articoli, i post, i commenti generati dalla rete.

Fornisce risposte alle seguenti domande:

  • quale tipologia di media è più utilizzata per parlare di noi?
  • in che modo viene trattato l’argomento (positivo o negativo)?
  • quando si parla di noi e quando no?
  • quali sono le parole più ricorrenti associate all’argomento che si sta investigando?

Individuare prima possibile le criticità:

  • individuare le fonti “critiche”
  • definire soglie di alert oltre le quali si viene avvisati di una quantità anomala di interventi
  • rispondere direttamente (a post ed interventi) senza passare dai profili impostati sui vari social

Monitorare la rete per dare al marketing idee e rendicontare le attività social che hanno intrapreso:

  • trovare indicazioni sul prodotto
  • individuare i suggerimenti dei consumatori
  • intercettare pagine social che parlano dei nostri prodotti
  • individuare “influencer” del mercato di riferimento