Una delle tecnologie che si stanno facendo strada nel nostro quotidiano è la realtà aumentata. Dalle prime applicazioni in ambito militare fino agli strumenti concepiti per migliorare la nostra vita di tutti i giorni, la realtà aumentata è un ambito che attira sempre più interessi ed investimenti. Ma cosa si intende esattamente con questa definizione?

 

La realtà aumentata è l’arricchimento della percezione sensoriale umana mediante informazioni non percepibili coi cinque sensi. In altre parole, è l’alterazione della realtà in cui, a ciò che percepiamo normalmente, vengono sovrapposte informazioni virtuali e artificiali.

 

Il primo esempio di realtà aumentata venne introdotto nell’aeronautica militare sotto forma di visore a sovraimpressione: i piloti potevano così tenere sotto controllo importanti informazioni (come ad esempio quota e velocità del velivolo, o distanza dall’obiettivo) tenendo sempre lo sguardo dritto di fronte a sé.

 

Nel prossimo futuro la realtà aumentata sarà protagonista di molti cambiamenti. Un chirurgo ad esempio potrà consultare la cartella medica di un paziente nel bel mezzo di un’operazione, senza neanche doversi togliere i guanti. I vigili del fuoco potranno, durante un’incursione in un edificio in fiamme, visualizzare planimetrie e vie di fuga. O ancora gli automobilisti potranno visualizzare sul parabrezza navigatore, segnaletica e velocità massima consentita, senza distrarsi dalla guida. Qualcosa di simile anche per gli addetti al traffico aeroportuale, che potranno controllare l’elenco degli aerei in decollo e in atterraggio continuando a guardare le piste.

 

Non bisogna però fare confusione tra realtà aumentata e realtà virtuale. Infatti, mentre la prima sovrappone immagini e testi a ciò che l’utente vede concretamente intorno a sé, la seconda annulla completamente il mondo reale, dando la sensazione di trovarsi in un altro luogo.  

 

shutterstock 515607835