Come abbiamo già rimarcato in precedenza, l’intelligenza artificiale è destinata a entrare sempre più in profondità sia nella vita quotidiana delle persone sia nel mondo del lavoro.

 

Adesso però questa tecnologia sembra in procinto di intraprendere una crescita esponenziale che, nei prossimi due anni, porterà la quasi totalità delle aziende (si parla dell’80-90%) ad adottare soluzioni di IA.

 

Finora, infatti, l’applicazione dell’intelligenza artificiale nel mondo del lavoro è stata costante, ma lenta. Soprattutto per questioni di carattere culturale: secondo un recente studio di IBM, per il 37% delle aziende l’ostacolo principale è finora stata la mancanza di competenze specifiche sull’argomento.

 

Secondo PwC, l’intelligenza artificiale potrebbe offrire un contributo di circa 15.700 miliardi di dollari al PIL mondiale nel prossimo decennio. Le aziende lo hanno capito, e iniziano a spostare sempre più fondi per investire in questa tecnologia. Gli investimenti andranno soprattutto nell’acquisto ed implementazione di soluzioni IA, ma anche nell’addestramento dei dipendenti e nell’ampliamento della forza-lavoro.

shutterstock 719504626