scala dam casehistory 01

Il progetto
Con il sito Archivio, La Scala ha aperto al pubblico degli appassionati e degli studiosi la possibilità di accedere con facilità alla storia e al patrimonio artistico del Teatro.
L’utente ha a portata di clic numerose informazioni sulle opere, i balletti, i concerti eseguiti alla Scala a partire dal 1950: cronologie, cast, locandine, libretti, trame, discografie, introduzioni alle opere, 50.000 fotografie di spettacoli e artisti.
Il sito offre una vetrina web al momento semplificata rispetto all’enorme quantità di elementi contenuti nell’archivio esteso, l’Archivio DAM, che è invece quotidiano strumento di lavoro per i reparti del teatro.
Per preservare e valorizzare il suo passato, il Teatro ha realizzato un sistema integrato di gestione del patrimonio: La Scala DAM (Digital Asset Management), che costituisce l’archivio digitale di tutto il materiale disponibile, dal secondo decennio del Novecento a oggi, in diversi archivi, magazzini e caveau.
 

scala dam casehistory 02

Si tratta di almeno 24.000 bozzetti e figurini firmati da grandi artisti, tra cui Pablo Picasso, Marc Chagall, Jean Cocteau, Mario Sironi, e moltissimi altri, insieme a schizzi, disegni e modellini creati per la realizzazione di scene e costumi, ma opere d’arte in sé; di 45.000 costumi firmati da grandi figurinisti, completati da 60.000 accessori tra gioielli, biancheria, calzoleria, parrucche e cappelli; di 80.000 attrezzi di scena.
L’attività del teatro è documentata in 17.000 locandine, e conseguenti cronologie dettagliate, e in più di un milione di fotografie di scena, prove e back-stage.
Il lavoro di conversione digitale ha inizio nel 1996 con il Progetto di Salvataggio dell’Archivio Fonico, che fu poi in grado di recuperare circa 5000 nastri di registrazioni scaligere d’opera, balletto e di concerti sinfonici a partire dal 1950.
Dal 1998, il progetto di digitalizzazione si è esteso con processo modulare e ha dotato gli archivi del Teatro - in particolare il magazzino costumi e accessori, l’archivio bozzetti e figurini, il magazzino degli attrezzi di scena, l’archivio fotografico e delle locandine - di un’applicazione informatica “personalizzata” e di tutti gli strumenti necessari per la conservazione dei differenti materiali.
 

scala dam casehistory 03

Nel 2006 La Scala DAM è stato collegato con una rete intranet alle postazioni-chiave del Teatro, mettendo a disposizione delle strutture interne la documentazione multimediale del materiale relativo alla creazione, alla produzione e alla documentazione di ogni spettacolo: appunto bozzetti e figurini, costumi, calzature, gioielli, acconciature, attrezzi di scena, manifesti e locandine, fotografie e registrazioni audio. Il tutto finalizzato all’attività quotidiana di ogni settore.
Con ArchivioLaScala, vetrina web dell’Archivio Digitale DAM, al momento limitata e semplificata rispetto alla enorme quantità di elementi contenuti nell’archivio esteso, il pubblico di studiosi o appassionati ha ora la possibilità di accedere a una parte importante del patrimonio artistico della Scala attraverso il sito internet www.archiviolascala.org.
La piattaforma è stata sviluppata da Engitel con tecnologia ORACLE, in quanto partner tecnologico della Fondazione Teatro alla Scala. Di fatto il progetto è consistito in un porting dei contenuti multimediali dalla piattaforma precedente a quella attuale.